domenica 26 maggio 2019
Anno IV - numero 20 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Editoriale
LA GUERRA DEL PANE

Anche il consiglio comunale di Acireale interviene e prende posizione in merito al controverso e discusso decreto regionale del 10 ottobre scorso che detta nuove disposizioni in materia di panificazione.

Lo ha fatto approvando all’unanimità un documento, supportato da una lettera delle associazioni di categoria inviata ai sindaci e condivisa dall’aula, subito spedito al governo regionale e al Prefetto.

.“L’assessore per le Attività produttive –si legge nella nota-, al fine di garantire il riposo, la salute e il godimento dei diritti civili e religiosi degli operatori del settore, ha stabilito il divieto di svolgimento della sola attività di panificazione durante le giornate domenicali e festive. Tale limitazione, la vietata vendita del pane durante le domeniche o i festivi, favorirebbe l’espandersi delle vendite della panificazione abusiva e mortificherebbe i panificatori autorizzati, svilendo un intera categoria di onesti lavoratori e puntuali contribuenti. Impedire la proliferazione della panificazione abusiva è il minimo che si possa fare in una società civile e rispettosa della legalità”. “Preso atto delle legittime preoccupazioni delle associazione dei panificatori acesi –poi aggiunge la nota-, il consiglio comunale di Acireale dichiara solidarietà ai panificatori acesi regolarmente autorizzati e condivide la preoccupazione che a causa del divieto possa riacutizzarsi il fenomeno della panificazione abusiva del pane con grave nocumento perla salute e l’igiene pubblica. Ritiene che il consiglio possa far propria le richieste delle associazioni di categoria mirate a modificare il testo del decreto, laddove si impedisce la produzione. Invita il governo regionale a rivedere il testo e impegna l’amministrazione comunale a richiedere la convocazione di tavoli tecnici con tutte le parti interessate per garantire la turnazione delle attività di panificazione nelle domeniche e nei festivi”.

Anche l’Amministrazione comunale acese si è espressa sulla questione, per bocca del vicesindaco Nando Ardita: “E’ incredibile arrivare alla formulazione di questo decreto, se si fosse adottata tale scelta anche per la grande distribuzione avrebbe possibilmente avuto un senso. L’Amministrazione comunale sposa pienamente il documento del consiglio comunale”.


Altre Notizie
Sondaggio
Sei d'accordo sull'odierna ZTL di Acireale?
Si
No
Non saprei

Multimedia
Le nostre rubriche
Ricerca
Archivio Articoli - Aci S. Antonio
Cerca:


Si ripristina la copertura del Teatro Maugeri
domenica 12 marzo 2017

Aci S. Antonio: successo per il concorso dei presepi
mercoledý 28 dicembre 2016

Ad Aci S. Antonio la magia del Natale
lunedý 5 dicembre 2016

Aci S. Antonio: mani e panchine rosse contro il femminicidio
martedý 29 novembre 2016

E' polemica sui lavori di sistemazione della chiesa di San Biagio
lunedý 24 ottobre 2016

Aci S. Antonio ricorda la tragedia di Lampedusa
mercoledý 5 ottobre 2016

Calcio: l'Asd Aci S. Antonio presenta la squadra femminile
martedý 27 settembre 2016

Aci S. Antonio festeggia il Patrono
martedý 2 agosto 2016

Atto intimidatorio nei confronti di Salvatore Contarino
lunedý 25 luglio 2016

Aci S. Antonio si rifÓ la segnaletica stradale
mercoledý 13 luglio 2016

Truck Driver 2016 ad Aci S. Antonio
lunedý 4 luglio 2016

La Consulta Giovanile di Aci S. Antonio
giovedý 30 giugno 2016

Aci S. Antonio: apre lo sportello per la composizione della crisi
giovedý 19 maggio 2016

Aci S. Antonio: l'assemblea di Area Popolare
mercoledý 27 aprile 2016

I 100 anni di Elena Pulvirenti
mercoledý 27 aprile 2016

  Prossimi 15