lunedý 13 luglio 2020
Anno IV - numero 28 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acireale » Cronaca
StampaInivia a un amico

Terme di Acireale. Scenari di sviluppo e percorsi di riposizionamento

 

“Terme di Acireale. Scenari di sviluppo e percorsi di riposizionamento” è il titolo dato al convegno, organizzato dal Lions club di Acireale e moderato da Mario Barresi, giornalista de La Sicilia, svoltosi lo scorso 9 aprile, presso la Sala Convegni del Credito Siciliano di Acireale. 

In sala erano presenti numerosi esperti del termalismo nazionale e del benessere, dirigenti e funzionari della Regione Siciliana, investitori pubblici e privati, politici ed amministratori locali.

Tra gli esponenti della classe politica erano presenti: l’on. Raffaele Nicotra, sindaco di Acicatena; l’avv. Antonino Garozzo, sindaco di Acireale; i deputati regionali on. Nicola D’Agostino e on. Giovanni Barbagallo. 

Il convegno è stato organizzato dal dott. Salvatore Leonardi, presidente del Lions club di Acireale, e dai due coordinatori del comitato Lions “…per l’economia di Acireale”, il dott. Mario Scandura ed il prof. Rosario Faraci. 

L’obiettivo degli organizzatori, pienamente raggiunto alla conclusione dei lavori, è stato quello di proporre un’attenta analisi sulla condizione attuale di liquidazione delle Terme, ripercorrendo le vicende del passato, che inevitabilmente hanno prodotto effetti significativi sul presente e che servono da base per approntare delle proposizioni per il futuro, affinchè le Terme possano essere rilanciate e divenire uno dei cardini dell’offerta turistica di Acireale e dell’intero territorio delle Aci. 

Il dibattito ha prodotto un contributo sinergico per un obiettivo comune, che vede uniti tutti i diversi attori della città. L’importanza di questo incontro risiede soprattutto nell’aver inquadrato il problema, relativo al rilancio delle Terme di Acireale, da più punti di vista, avvalendosi di contributi significativi: quello degli esperti del settore, quindi di un’analisi scientifica del mercato del benessere, di possibilità concrete di riposizionamento del complesso termale in nuovi segmenti di offerta; quello della politica; quello dei comitati civici, che hanno fatto sentire la loro voce, per prospettare un rilancio futuro che coinvolga l’intera città. 

Al convegno erano presenti il Vice Presidente di Federterme, la dott.ssa Stefania Capaldo, e la prof.ssa Mirella Migliaccio, dell’Università del Sannio di Benevento, che hanno dato un contributo significativo, inserendo il rilancio delle Terme acesi in una prospettiva più ampia, tenendo conto della crescente domanda di benessere termale del mercato. 

Inoltre hanno preso parte al dibattito: la prof.ssa Margherita Ferro, co-liquidatore delle Terme; il dott. Antonio Belcuore, dirigente del Dipartimento Turismo alla Regione Siciliana; il dott. Giuseppe Ferlito, autore di una tesi di laurea sulle Terme di Acireale e vincitore del Premio Lions Augusto Ajon 2007; il dott. Guido Castellini, direttore marketing Italia Turismo – Invitalia, Roma. 

La dott.ssa Maria Filippa Palagonia, dirigente del Servizio Partecipazioni e Liquidazioni dell’Assessorato all’Economia, ha inviato un messaggio agli organizzatori in cui ha dichiarato che “la Regione procederà al più presto ad acquisire le azioni delle due società, in atto detenute dalle due Aziende Autonome delle Terme di Sciacca ed Acireale. Subito dopo si occuperà della valorizzazione delle Terme e procederà ad effettuare un bando di gara per la scelta di un advisor che si occuperà della ricerca dei privati cui far gestire e valorizzare i due siti termali, sicuramente attraverso lo strumento della concessione”. 

Il prof. Rosario Faraci, a cui sono state affidate le conclusioni dell’incontro e l’illustrazione delle prospettive future, ha evidenziato l’importanza, soprattutto in questa e nella fase futura, di un ruolo attivo ed attento della politica, del coinvolgimento dell’intera città, soprattutto della fascia giovanile, classe dirigente di domani. Inoltre, ha espresso la volontà del Lions di promuovere un forum permanente, al fine di consentire a quanti lo desiderino di poter intervenire sulla questione. 

“ Il contributo venuto fuori è veramente importante, anche sul piano propositivo – ha affermato il prof. Rosario Faraci - Oggi tutta la città ha parlato, grazie ad una azione del Lions certamente disinteressata, da un punto di vista politico ma forte nella tensione, da un punto di vista sociale”.

Sul sito web www.termediacireale.it, curato dal prof.  Rosario Faraci, sarà possibile consultare una completa documentazione di atti, rassegna stampa e studi sul termalismo. 

I risultati del convegno saranno riassunti e raccolti all’interno di un documento, che verrà inviato il prossimo martedì alla Commissione Bilancio dell’ARS e all’Assessorato all’Economia a Palermo. 



Antonella Agata Di Gregorio


10/04/2011

Condividi su Facebook