marted́ 20 ottobre 2020
Anno IV - numero 42 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acireale » Politica
StampaInivia a un amico

IL FORUM SULLE TERME CHIAMA LA POLITICA

Si svolgerà il prossimo 29 settembre il primo incontro degli aderenti al Forum permante sulle Terme di Acireale. Ad annunciarlo, con una nota inviata ai vertici regionali, provinciali e locali oltre agli organi liquidatori delle Terme, sono stati i coordinatori del Forum, il prof. Saro Faraci e il dott. Mario Scandura.
Come spiega la nota, alla classe dirigente si chiede (qualora intervenga, aggiungiamo noi) di "fornire qualche aggiornamento sull'imminente processo di privatizzazione e su altre possibili iniziative pubbliche dirette a rilanciare il termalismo in Sicilia e a preservare, ad Acireale e nei suoi dintorni, il grande patrimonio immobiliare, storico-culturale, turistico e sanitario rappresentato dalle Terme".
L'incontro servirà a fare chiarezza sulle intenzioni del Forum e sul messaggio da inviare alla classe dirigente politica già chiaramente indicato proprio nella nota: "La delicatezza del procedimento di liquidazione in atto impone rigore e determinazione nell’espletamento di tutti gli atti necessari per provvedere alla liquidazione delle attività, al pagamento dei debiti sociali, alla risoluzione di tutti i rapporti pendenti
e all’attribuzione al socio-Regione del residuo attivo.
Il lavoro svolto dai liquidatori, poco visibile ma a nostro avviso eccessivamente riservato per
una procedura che comunque rimane pubblica, è apprezzabile, anche per le enormi responsabilità
che esso quotidianamente comporta, esponendo i due liquidatori a forme diverse di “controllo
sociale” esercitato dall’opinione pubblica".
Importante, segnalano poi Faraci e Scandura, che "il procedimento di liquidazione in atto, seppur vincolato
all’espletamento di atti formali previsti dalla legge, sia condotto, là dove vi sono margini di
operatività come nel caso delle Terme di Acireale, in modo da preservare il più possibile il valore
commerciale dell’azienda. Questo valore contabile è strettamente legato sia alla costante utilizzazione degli impianti sia alla continuativa erogazione di
prestazioni, soprattutto di tipo specialistico-termale.
Non essendo state rese note dai liquidatori le effettive condizioni di funzionamento dello
stabilimento, esprimiamo viva preoccupazione sul fatto che l’attuale stato di liquidazione abbia
finito per compromettere definitivamente le esigenze di operatività e funzionalità dell’azienda,
pregiudicando in modo serio sia lo sviluppo del turismo termale sia le esigenze di tanti utenti che
intendono beneficiare delle prestazioni erogate dalle Terme di Acireale".
"Ora o mai più" (è questo il forte slogan utilizzato) per il Forum è necessaria piena armonia tra le istituzioni, è necessario che queste riescano a "ricomporre i tasselli di un mosaico che possa dare a tutti l'idea che i Siciliani hanno a cuore la risorsa termalismo".
"Ora o mai più" è indispensabile rimuovere la diffusa convinzione che le Terme stiano subendo una "frettolosa dismissione" e non invece una vera privatizzazione; "è fondamentale ascoltare le proposte provenienti dalla società civile e integrarle ad una autentica progettualità pubblica".

dq


11/09/2011

Condividi su Facebook