mercoledì 22 gennaio 2020
Anno IV - numero 3 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
StampaInivia a un amico

Mascalucia: ricorrere alle associazioni di ex appartenenti alle forze dell’ordine per aumentare il controllo del territorio
Lo chiede il consigliere comunale Fabio Cantarella e lo prevede il decreto in materia di sicurezza e violenza sessuale che attribuisce nuovi poteri ai sindaci

 

“Coinvolgere le associazioni di volontariato formate da ex appartenenti alle forze dell’ordine per aumentare il controllo del territorio”. A chiederlo al primo cittadino di Mascalucia è il consigliere comunale, Fabio Cantarella (Pdl), che prende spunto da un provvedimento approvato in settimana dal Consiglio dei ministri.
“Il nostro territorio è molto vasto e per questo difficile da controllare – spiega l’avv. Fabio Cantarella -. Numerosi concittadini mi segnalano episodi di microcriminalità che, a mio avviso, potrebbero essere significativamente contrastati ricorrendo alle valide associazioni di ex carabinieri, poliziotti, vigili e militari già presenti a Mascalucia e impegnate solo in occasione di eventi particolari. Sono dell’idea – conclude Fabio Cantarella - che si potrebbe studiare e realizzare un progetto che veda il Comune protagonista, anche alla luce del fatto che il decreto governativo in materia di sicurezza urbana e contrasto alla violenza sessuale consente proprio ai sindaci di avvalersi di tali sinergie”. 
E sulla questione occorre aggiungere che nei giorni scorsi l’esponente del PdL ha incontrato alcuni cittadini di via Petrella, piccola arteria stradale nella periferia del Paese. Da qualche tempo, come tanti altri concittadini, sono alle prese con i topi d’appartamento che favoriti dalle condizioni del luogo continuano a far visita alle villette della zona. Un residente, che ha già subito due furti, s’è recato alla locale stazione dei carabinieri per segnalare di aver trovato, facendo rientro a casa, due ignoti appostati nei pressi della propria abitazione, poi fuggiti al suo arrivo. Una drammatica realtà con la quale, chi abita da quelle parti (ma anche in altre aree periferiche del Paese come Massannunziata, contrada Ombra o Mompilieri, per citarne alcune) deve fare i conti tutti i giorni, tanto che in passato uno di essi ritrovò la casa ripulita dai ladri entrati praticando l’apertura di un buco nel muro, con tanto di mazza e piccone
.

 

c.s.


23/02/2009

Condividi su Facebook