sabato 20 aprile 2019
Anno IV - numero 15 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
StampaInivia a un amico

PROVINCIA: SI PRESENTA IL "SECONDO" COMMISSARIO

Il commissario della Provincia, Antonella Liotta, illustra alla stampa la sua azione amministrativa:

“Disporrò la riduzione del trenta per cento della mia indennità per dimostrare la mia solidarietà ai consiglieri provinciali che lo hanno già fatto e per essere in linea con il particolare momento che impone ristrettezze a tutti”. Questo uno dei primi provvedimenti che il commissario straordinario della Provincia, Antonella Liotta, ha voluto comunicare nella conferenza stampa convocata per illustrare il piano operativo della sua azione amministrativa, insieme al presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Leonardi, in presenza del segretario generale, Francesca Ganci.
“Lavoro dietro le quinte da oltre trent’anni – ha proseguito il commissario Liotta – sempre a servizio dei cittadini e proprio a loro devo certamente delle risposte. Voglio rasserenare tutta la comunità provinciale sul tema del debito (23 milioni di euro per l’Ifi) che potrebbe portare l’Ente al dissesto finanziario poiché stiamo già lavorando perché questo venga scongiurato. Per la prima volta nella storia il Governo centrale ha dato la possibilità agli Enti (pubblicazione su gazzetta ufficiale il 10 ottobre 2012) di formulare, in caso di paventato dissesto, un piano di riequilibrio quinquennale. Lo schema di delibera proposto dagli uffici finanziari, che ha consentito di bloccare il pignoramento delle somme rivendicate, è stato con grande senso di responsabilità adottato dal consiglio provinciale nella apposita seduta convocata domenica 14 ottobre. Il paradosso è che l’Ente, con una gestione ordinata e con un cospicuo attivo di cassa – ha chiarito il commissario -  in virtù di leggi sopravvenute dopo il 2006 per cui la liquidazione dei debiti fuori bilancio soggiace ai vincoli imposti dal patto di stabilità, si ritrova in una situazione di grande criticità. Lavorerò prioritariamente per allontanare questa “spada di Damocle” che pende sull’Amministrazione insieme ai consiglieri provinciali con i quali ho previsto a breve un incontro”.  
Il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Leonardi, nell’augurare buon lavoro al neo commissario si è reso disponibile, anche a nome del consesso che rappresenta, a proseguire con impegno il lavoro già avviato con il precedente commissario per l’approvazione del Bilancio e per il Piano di stabilità. “Il Consiglio ha sempre supportato le indicazioni della passata amministrazione – ha commentato Leonardi – pur avendo registrato la mancata presenza in aula, più volte sollecitata, della massima figura politica a capo dell’Ente”.


18/11/2012

Condividi su Facebook