venerd́ 14 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acicastello » Cronaca
StampaInivia a un amico

FICARAZZI: RIESPLODE LA POLEMICA SU VIA TRENTO

Pericoli sulla Strada Provinciale 41.

Con l'arrivo della stagione autunnale puntuale riesplode per i cittadini della frazione castellese di Ficarazzi la polemica circa la messa in sicurezza della strada che da via Trento, all'uscita lato nord del paese, conduce per San Nicolò.

Da anni, infatti, il muro alla base del primo curvone presenta notevoli segni di usura.

Infiltrazioni, crepe, crollo di blocchi, imponente flusso veicolare hanno determinato una situazione di insicurezza per le decine di persone che giornalmente transitano lungo il tratto.

È già diverso tempo, per l'esattezza tre anni, che dagli organi competenti degli uffici provinciali di Catania sono stati promessi fondi per il consolidamento dell'imponente muraglia, tuttavia ad oggi ancora non vi è traccia di interventi. Per questa ragione nei giorni scorsi il presidente del civico consesso castellese, Salvo Danubio, ha nuovamente alzato la voce sulla vicenda, denunciando i possibili pericoli causati in caso di forti perturbazioni.
“Il muro –ha detto Danubio– è da tempo crollato e da un momento all'altro la strada può cadere provocando danni e grossi guai”.

Oltre che dall'impellente necessità dei lavori, Danubio è preoccupato anche dalla prossima acquisizione delle strade provinciali da parte dell'ente comunale, infatti non ha mancato di ricordare come “considerato l'attuale stato, non sappiamo come le misere finanze dei Comuni potranno renderle efficienti”. “Ora, a parte lo scarico di responsabilità -ha chiosato il presidente– non si capisce come i Comuni potranno affrontare una simile eredità in attesa che arrivino i contributi”.
Infine Danubio si è soffermato sulla contraddittorietà di un recente finanziamento da parte degli organi provinciali grazie al quale sono stati impiantati lungo la carreggiata una serie di segnali luminosi invece che una più urgente bonifica del manto e delle fondamenta.
Noi dell'Eco, già diverso tempo addietro, avevamo segnalato le questione, pertanto ci uniamo a quest'ennesima denuncia augurandoci che presto, prima dell'arrivo della stagione invernale, possano essere consolidati la cinta ed il manto. Ricordiamo che il tratto rappresenta una delle poche vie di fuga per un paese già parecchio vessato dal traffico automobilistico e quindi il rinvio della risoluzione rappresenta un gravissimo atto di negligenza da parte della Provincia di Catania. Rimandare non è più possibile.

Giuseppe Caltabiano


30/09/2013

Condividi su Facebook