venerd́ 14 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acicastello » Cronaca
StampaInivia a un amico

ACICASTELLO POTENZIA LA VIDEOSORVEGLIANZA

Il comune di Aci Castello potenzierà a breve il sistema di videosorveglianza. A comunicarlo nei giorni scorsi è stato il sindaco del comprensorio rivierasco, Filippo Drago, che ha riconosciuto come prioritario questo intervento per scongiurare atti di vandalismo e microcriminalità. Negli scorsi numeri del nostro settimanale, come ricorderanno i nostri lettori, si era già fatto riferimento a danneggiamenti, furti ed episodi di degrado, dove per mancanza di appositi controlli non è stato possibile individuare i colpevoli. Adesso, proprio con l'intento di prevenire situazioni del genere, verranno istallate telecamere di monitoraggio in maniera capillare presso gli snodi principali dell'Area marina protetta, nel porto vecchio di Aci Trezza, a villa Fortuna ed in piazza Castello.
“Non appena avremmo le autorizzazioni necessarie – ha spiegato il primo cittadino – inizieranno i lavori ed è probabile che il sistema di video sorveglianza entri in funzione prima della fine dell'anno”.
Inoltre, nel corso dell'intervento, Drago ha chiarito come il ricorso alla tecnologia sia significativo per la tutela dei cittadini. “È un'opportunità che serve a creare maggiore controllo del territorio e garantire la tutela dell'Amp. Tale impianto ha una duplice finalità:da un lato servirà a monitorare le opere pubbliche e la loro integrità, fungendo da deterrente contro gli atti vandalici; dall'altro servirà a contenere i fenomeni criminali nei centri urbani, dando maggiore senso di sicurezza ai cittadini. Le telecamere saranno di valido aiuto alle forze dell'ordine anche perché il sistema di videosorveglianza funzionerà a pieno ritmo, 24 su 24, fissando le immagini anche in condizione di scorsa luminosità, essendo di ultima generazione tecnologica”.
L'istallazione dell'impianto è stata resa possibile grazie ad un finanziamento nell'ambito del progetto”Monitoraggio delle Aree marine protette nelle regioni obiettivo convergenza”, sovvenzionato peraltro dal Pon sicurezza-Programma operativo nazionale Fers.

Giuseppe Caltabiano

 


21/10/2013

Condividi su Facebook