marted́ 11 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acicatena » Cronaca
StampaInivia a un amico

ACICATENA: DOPO IL RESTAURO RICONSEGNATO IL PALAZZO MUNICIPALE

Nel corso di una cerimonia svoltasi sabato 13 giugno è stato "riconsegnato alla città" dall'amministrazione Maesano il riqualificato Palazzo di Città.
L'iter dell'intervento è stato lungo e non privo di ostacoli ed anche per questo la festa dei giorni scorsi è stata ancora più grande.
I lavori compiuti hanno infatti riguardato un bene monumentale molto amato dai catenoti, sorto come convento di S. Antonio di Padova dei padri Minori Riformatori, edificato tra il 1637 ed il 1655 ed oggetto, nei secoli successivi, di vari interventi modificativi sino alle ultime variazioni realizzate nel XIX e XX secolo per adattarlo a sede municipale.
All'interno del piano terra sono presenti i dipinti murali del ciclo pittorico del chiostro attribuiti dagli storici locali a Giovanni Lo Coco, detto "il "Sordo di Aci", artista vissuto dal 1667 al 1721, autore di affreschi in molteplici emergenze architettoniche dell'epoca, compreso il coevo Convento Francescano di San Biagio ad Acireale.
L'intervento ha avuto quale finalità il restauro e il miglioramento sismico dell'apparato architettonico mediante il ripristino della maglia architettonica originaria nonché la realizzazione al piano primo di alcune pareti in muratura, così da ricostituire la stessa trama della murature presenti al piano rialzato (chiostro).
Sono state poste in opera catene realizzate con tondi e piastre di ancoraggio per evitare il formarsi di meccanismi di collasso locale in corrispondenza delle pareti esterne in muratura.
Si è proceduto anche al restauro delle opere pittoriche ubicate lungo il perimetro del peristilio del chiostro al piano rialzato, oltre all'installazione di un sistema di illuminazione che ne valorizza il pregio.
Si è installato inoltre un nuovo impianto di riscaldamento/rinfrescamento che, unitamente alla sostituzione degli infissi esterne con infissi a taglio termico, hanno conferito all'edificio maggiori prerogative di contenimento energetico e confort termico. Al piano terra, nell'area ubicata tra via V. Emanuele e via F. Strano, è stato realizzato un Teatro all'Aperto (che ha ospitato la cerimonia di inaugurazione) i cui caratteri architettonici sono stati scelti in modo da enfatizzare la differenza tra l'edificio storico (ex Convento) e l'intervento di nuova progettazione (Teatro all'Aperto).
Questo il dettaglio dei lavori:
Importo finale dei lavori
Euro 1.125.773.12
Importo complessivo costo dell'opera
Euro 1.903.133.50
FINANZIAMENTO
Euro 1.275.079,16 fondi regionali (Assessorato Infrastrutture e mobilità);
Euro 150.000,00 fondi comunali;
Euro 288.902,94 fondi comunali;

PROGETTISTI E DIRETTORI DEI LAVORI
gruppo di progettazione incaricato V. Ceradini, C. Carrocci, P. Terenzi, C. Tocci - Architetti associati e il consulente Dott. Salvatore Greco;
Direttori dei Lavori: Dott. Ing. Salvatore Di Paola e Dott. Arch. Santo Di Giacomo;

ESECUTORI DELL'OPERA
gara effettuata con il sistema del pubblico incanto.
aggiudicataria l'A.T.I.  CO.M.EDIL. (Capogruppo) Consorzio Artigiano Edile Società Coop. con sede in Giarre (CT) in Via Fratelli Cairoli n. 121 e l'impresa individuale Comes Giovanna (Mandante) con sede in Catania in Via Faraci n. 4.

Segui l'intervista al sindaco Ascenzio Maesano che ripercorre l'intero iter dei lavori.


16/06/2015

Condividi su Facebook