martedì 11 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Sicilia » Politica
StampaInivia a un amico

TERME DI ACIREALE E SCIACCA: VIA LIBERA AL BANDO DI GESTIONE

Il gruppo del Movimento 5 Stelle all’Assemblea Regionale Siciliana ha espresso “grande soddisfazione” per l’approvazione dell’articolo 53 che, in pratica, dà pieno titolo ai commissari liquidatori delle Terme di Acireale e Sciacca di procedere all’emanazione del bando in evidenza pubblica per l’affidamento.

“Enorme preoccupazione –si legge in una nota dei grillini- avevano destato, invece, i tentativi di soppressione dell’articolo, nonché quelli di eventuali aperture a svendite del patrimonio regionale. Pericolo rientrato a seguito dei numerosi interventi dei 5Stelle che hanno portato al ritiro dell’emendamento governativo”.

I deputati all’Ars del Movimento 5 Stelle, Angela Fori e Matteo Mangiacavallo hanno dichiarato: “Dopo anni di immobilismo in maniera compatta si apre un varco che finalmente sblocca la situazione cristallizzata e determinata sia dalla burocrazia che dalla mancata volontà politica di trovare soluzioni realizzabili”.

In particolare, sulla vicenda delle terme di Acireale, impantanata in situazioni debitorie e patrimoniali particolarmente complesse, grande soddisfazione è stata espressa dalla deputata dell’Acese Angela Foti che ha ottenuto l’impegno in Aula da parte del presidente Crocetta di convocare un tavolo congiunto tra creditori, ufficio liquidazioni dell’assessorato all’Economia e il commissario liquidatore, così da approntare possibili rimodulazioni dei debiti e la stessa concessione dell’ingente patrimonio immobiliare.

Anche il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, ha accolto speranzoso la notizia dell’approvazione all’Ars dell’art.53: “Adesso confidiamo nell’operato del commissario liquidatore, che, oltre a gestire la società in liquidazione, avrà il compito importante e non facile di redigere un bando realmente attrattivo per gli investitori, considerato l’ingente patrimonio immobiliare e la pesante situazione debitoria delle nostre Terme. Il nostro auspicio è che finalmente si possa andare avanti in modo concreto. Seguiremo da vicino la vicenda, la prossima settimana sarò presente al tavolo convocato dal presidente Crocetta”.


29/02/2016

Condividi su Facebook