martedě 12 novembre 2019
Anno IV - numero 45 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Aci S. Antonio » Cronaca
StampaInivia a un amico

UNA NUOVA ISOLA ECOLOGICA PER ACI S. ANTONIO

Il Comune di Aci Sant'Antonio è fra i 40 destinatari di somme per la realizzazione di CCR (Centri comunali di raccolta).
Un finanziamento di 2 milioni 260 mila euro che permetterà all'Amministrazione Caruso di realizzare un'isola ecologica in via Fucini, al confine tra Lavinaio e Santa Maria La Stella.
Nell'aprile del 2014, con delibera numero 89, la Giunta Crocetta ha deciso di utilizzare le risorse FSC-ODS, un importo pari a circa di 43 milioni di euro, per la realizzazione (o in alcuni casi il potenziamento) di 40 centri comunali di raccolta. Il Dipartimento Regionale delle Acque e dei Rifiuti, nel novembre del 2013, ha chiesto al comune santantonese una espressa dichiarazione di interesse alla realizzazione del progetto ricadente nel territorio a seguito della quale l'iter è andato avanti fino al tavolo tecnico convocato il 12 aprile, cui ha preso parte il sindaco Santo Caruso, che ora dichiara: "Un' altra grande notizia nel giro di pochi giorni; dopo l'inserimento in graduatoria di tre progetti riguardanti tre scuole santantonesi (due in centro ed una a Santa Maria La Stella), è arrivata la conferma di un grosso finanziamento che ci permetterà di ottimizzare il conferimento dei rifiuti.
I residenti delle frazioni potranno beneficiare di un centro raccolta più vicino e, collaborando tutti insieme, potremo aspirare ad una riduzione del costo del servizio e di conseguenza ad un ulteriore abbassamento della TARI, che andrebbe ad aggiungersi alla prima diminuzione, pari all' 8%, realizzata da questa Amministrazione nel Luglio 2015. Si tratta di un progetto risalente al 2008 che dovrà ora essere aggiornato e in parte modificato".
Soddisfatto anche l’assessore all’Ecologia e Ambiente Nuccio Raneri che ha aggiunto: “Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto anche se ritengo che questo sia soltanto l’inizio. Adesso verrà infatti il difficile. Entro il 31 agosto dovrà esserci il progetto esecutivo, entro la fine dell’anno la gara d’appalto. Entro il 2018 il Centro dovrà invece essere a tutti gli effetti operativo”.


14/04/2016

Condividi su Facebook