martedý 11 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
StampaInivia a un amico

NASCE A CATANIA LO SPAZIO NEUTRO “OHANA”

L’articolo 9 della Convenzione dei diritti dell’infanzia garantisce ad ogni bambino il diritto a “mantenere relazioni personali e contatti diretti in modo regolare con entrambi in genitori, salvo quando ciò è contrario al  maggior interesse del bambino”. Nei casi di separazione, divorzio conflittuale, affido e altre vicende di grave e profonda crisi familiare, si fa ricorso ad un “luogo” protetto che garantisce al bambino di poter vivere (o ricostruire) la relazione affettiva con il genitore non convivente e al genitore un percorso di crescita e consapevolezza nel proprio ruolo genitoriale: lo “spazio neutro”.  

Anche il Comune di Catania ha il suo Spazio Neutro: Ohana (parola hawaiana che significa famiglia), nato per volontà di tre professionisti: gli psicologi e mediatori familiari Antonello Arculeo e Eleonora Chicarella, e la psicodiagnosta Liviana Sciacca.

Lo Spazio Neutro “Ohana” è un ambiente accogliente che riprende in tutto e per tutto un ambiente familiare (cucina, bagno, spazio dedicato al gioco), per permettere alla “coppia genitori-figli” di diventare autonoma nel tempo. Gli operatori di Spazio Neutro Ohana seguiranno genitore e figli attraverso delle telecamere presenti nei diversi luoghi in cui avviene l’incontro.

“Prevediamo di non essere invasivi nella presenza fisica all’interno dello Spazio Neutro - ha dichiarata la dott.ssa Liviana Sciacca- ma di poterci approcciare con i nostri utenti in maniera più discreta, per permettere di ricostruire il loro rapporto senza la presenza impegnativa di un operatore all’interno. Ove sarà necessario, ovviamente, interverremo con la nostra presenza”.

“Lo Spazio Neutro Ohana non sarà un mero luogo di visita controllato –sottolinea il dott. Antonello Arculeo– la nostra esperienza e la formazione nella conflittualità della famiglia nelle sue varie declinazione ci impone di fare un lavoro approfondito sulla genitorialità. Per sostenere quella difficile che ha a che fare con tutte le situazioni che si presentano in uno spazio neutro”.

Oltre alla presenza di psicologi e psicoterapeuti con specifica formazione nell’ambito dell’età evolutiva  e della mediazione familiare, sono diversi i punti di forza dello Spazio Neutro Ohana: la presenza di luoghi dedicati alla preparazione all’incontro; stanze e cucina arredate in modo confortevole per favorire gli incontri, anche attraverso lo stabilirsi di routine quotidiane; l’ammissione, in casi particolari, di animali domestici; la disponibilità agli incontri di sabato o nel fine settimana.

“Il nostro servizio si propone, attraverso l’integrazione delle nostre competenze e delle nostre formazioni di lavorare più che sulla mera tutela del minore -dichiara la dott.ssa Eleonora Chicarella- sulla tutela della relazione tra genitori e figli. Riteniamo, infatti, che una sana genitorialità sia un traguardo raggiungibile anche nella nostra “società liquida” in cui i legami si dissolvono e si ricompongono con estrema velocità. E’ così che, nell’ottica della complessità, ci proponiamo di accogliere ogni situazione come “unica” e di accompagnarne i protagonisti in un percorso verso una relazione possibile”.


09/05/2016

Condividi su Facebook