martedý 11 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acireale » Cronaca
StampaInivia a un amico

ACIREALE, SI INTERVIENE NELLE SCUOLE PER POTENZIARE I SISTEMI DI RISCALDAMENTO

Le temperature rigide di questo mese hanno messo a dura prova il sistema di riscaldamento delle scuole acesi.

L’amministrazione comunale in collaborazione con i dirigenti scolastici ha subito disposto degli interventi per sopperire a tutte le carenze degli impianti, ha rassicurato l’assessore alla Pubblica Istruzione Adele D’Anna:

“Nel territorio acese si contano ben 26 plessi scolastici –ha dichiarato-. Dobbiamo partire da un dato eloquente: su 26 strutture, abbiamo riscontrato criticità solo in pochi plessi, criticità verificatesi al rientro dal lungo periodo delle vacanze natalizie e con temperature ben al di sotto della media registrata nostra zona. Nel plesso San Domenico Savio a Santa Maria delle Grazie sarà potenziato il sistema di riscaldamento con quattro nuove pompe di calore, nel plesso Fanciulli, dove le piastre presenti non sono sufficienti a contrastare le temperature di questi giorni, il sistema sarà implementato-. Altre pompe di calore saranno aggiunte nel plesso di Pennisi, dove sono in corso delle verifiche per risolvere la problematica. Al Collegio Pennisi è stato già riparato il guasto rilevato nei giorni scorsi e anche al Pennisi Alessi, sprovvisto di sistemi di riscaldamento adeguati, è stata autorizzata l’installazione di pompe di calore. Rimane da risolvere la criticità del plesso di Stazzo, dove nei giorni scorsi sono stati sottratti pc ed elementi per il riscaldamento”.

“Siamo al lavoro per sopperire a tutte le carenze rilevate -ha affermato il sindaco Barbagallo-. Fermo restando che insieme con la Sogip e l’ing. Grasso, energy manager incaricato, si sta elaborando un progetto di efficientamento energetico delle scuole, che prevede anche l’acquisto di nuovi sistemi di riscaldamento, in modo da eliminare alla radice il problema”.


15/01/2017

Condividi su Facebook