sabato 23 marzo 2019
Anno IV - numero 11 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
StampaInivia a un amico

 "Katane Team 2009": si spengono i riflettori sul 1° Raduno per calciatori non tesserati

Si è concluso con successo il 1° raduno provinciale, denominato  “Katane Team 2009”, riservato ai calciatori dilettanti svincolati in attesa di tesseramento. Organizzato dal gruppo provinciale dell’Associazione Italiana Allenatori di Calcio (AIAC) di Catania, con la collaborazione dell’Associazione Italiana Calciatori (AIC), della Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI) e con il patrocinio del Comune di Aci S. Antonio, il raduno ha avuto una nobile finalità: far emergere i talenti di quei calciatori che aspettano impazientemente la chiamata di qualche società dilettantistica.

“La manifestazione riveste un’importanza fondamentale – sottolinea orgoglioso Renato Marletta, presidente provinciale AIAC – poiché la nostra iniziativa è stata la prima in ambito regionale; al mio invito – ha continuato l’esponente provinciale, tracciando un bilancio dell’iniziativa - hanno risposto positivamente circa 20 partecipanti, tra cui molti giovani atleti soprattutto delle classi ’90,’91 e ’92, che a rodaggio hanno affrontato l’amichevole contro il Paternò Calcio (Eccellenza), con il parziale di 4-1 a favore dei rossoblù”. In occasione del match amichevole, abbiamo sentito i 6 giovani  stranieri, che partecipano al raduno grazie alla collaborazione della Caritas, provenienti dal Ghana, dal Senegal e dalla Romania. Quali conclusioni avete tratto da questo 1° raduno? “È  andato tutto a gonfie vele e contiamo di partecipare anche alle prossime edizioni, ove fossero riproposte”. Siete entrati subito in sintonia con i membri dello staff? “All’inizio abbiamo avuto qualche difficoltà dal punto di vista linguistico, ma l’esperienza dello staff ci sarà sicuramente utile per trovare più facilmente una collocazione”. Quali sono le differenze sostanziali tra i vostri paesi d’origine e l’Italia per quanto concerne le strutture sportive e i metodi degli allenamenti? “Ci sono delle differenze di fondo. Un solco profondo è rappresentato dalle strutture sportive, non potenziate per  mancanza di investimenti dei governi dei nostri paesi e per la fragilità dell’economia dovuta alla crisi mondiale. Mentre i nostri allenatori valorizzano maggiormente la corsa e gli esercizi di stretching, a differenza degli esperti tecnici italiani che puntano sulla preparazione tecnico-tattica dei calciatori”. Lo staff tecnico è composto da Saro Foti, allenatore dell’Acicatena Calcio, da Mr. Josè Sorbello, allenatore professionista di 2° ctg, da Domenico Scardace e Giuseppe Guzzardi, rispettivamente preparatore atletico e preparatore dei portieri, e da Mr. Giacomo Tomaselli, allenatore di base. Lo staff medico, invece, è costituito dal massaggiatore Turi Manitta e dal dott. Pino Malgioglio.

 

Giuseppe Finocchiaro


11/08/2009

Condividi su Facebook