marted́ 11 dicembre 2018
Anno IV - numero 49 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acicatena » Sport
StampaInivia a un amico

ASD ROYAL CATENA – ASD INDIGO CLUB 2-3
(15-25; 25-14; 14-25; 25-22; 14-16
)

Acicatena. È stato un derby all’insegna dello spettacolo quello giocato dalla Royal Catena e dall’Indigo Club. Le due squadre hanno dato vita ad un match entusiasmante dove non è mancato agonismo e cattiveria sportiva, che ha sicuramente contraddistinto tutta la gara ed entusiasmato il numeroso pubblico accorso, trasformando la palestra di via Europa in una piccola bolgia. Sia una che l’altra squadra potevano portare a casa la vittoria, con le padrone di casa che possono recriminare con loro stesse per non essere entrate completamente in partita nel primo set, sbagliando innumerevoli battute, e per non aver chiuso le ostilità al tie break sul 14-12, vedendosi annullare ben due palle set dalle brave ospiti, che confermano così il secondo posto in classifica. La Royal Catena di Di Maria scendeva in campo con Privitera in cabina di regia, Terranova opposta, di banda agivano Licciardello e Santangelo, centrali Campailla e Melone, libero Cantone. Un valido contributo hanno dato anche Bonanno e Rio, che quando scese in campo, hanno dato un ottimo contributo alla causa. Prima battuta d’arresto casalinga quindi, per la Royal Catena, seppur portando a casa un punto, che adesso dovrà preparare al meglio due trasferte di fila rispettivamente contro Zattera e Gravina. Due impegni importanti ma non impossibili per le Royaline, che nonostante la sconfitta a cospetto delle rivali dell’Indigo, ha dimostrato di potersela giocare a viso aperto con tutti, senza alcun timore reverenziale. Si è vista a sprazzi della buona pallavolo, e soprattutto la voglia di non mollare mai e di rimanere concentrate per tutto l’arco della partita. Punto di partenza per il pronto riscatto già nel prossimo appuntamento. Le ragazze non mancheranno in impegno e voglia di sacrificarsi per la causa prerogative fondamentali per fare bene.


19/01/2010

Condividi su Facebook