marted́ 17 settembre 2019
Anno IV - numero 37 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Altre Notizie
Altri Articoli


Ricerca
Acicatena » Politica
StampaInivia a un amico

AD ACICATENA LA PRESIDENZA DEL CONSORZIO DEI BENI CONFISCATI ALLA MAFIA

 

L’assemblea dei sedici sindaci che aderiscono al consorzio dei beni confiscati alla mafia, ha provveduto all'elezione del Consiglio di Amministrazione e del Presidente del consesso stesso, durante una riunione effettuata alla presenza del Prefetto di Catania, Finazzo.
Con voto unanime il sindaco di Aci Catena, on. Raffaele Pippo Nicotra, è stato eletto presidente dell’assemblea dei comuni; vice presidente invece, risulta il primo cittadino del comune di Mascalucia.
Per quel che riguarda il Consiglio di Amministrazione, su precisa indicazione del Prefetto Finazzo, è stato eletto il dott. Sebastiano Cacciatore, ex presidente dei G.I.P. del Tribunale di Catania.
Soddisfazione è stata espressa dall’on. Raffaele Pippo Nicotra: ”Apprendo con piacere che l’assemblea dei sindaci dei comuni che aderiscono al consorzio, alla presenza di S.E. il Prefetto di Catania Finazzo, abbiano indicato all’unanimità Aci Catena per presiedere il gruppo di enti per la gestione dei beni confiscati alla mafia”.
Gli fa eco l’assessore al Bilancio Giancarlo Bonfiglio, delegato dal primo cittadino catenoto a seguire l’iter del consorzio: ”Ringrazio il sindaco Nicotra per aver riconosciuto nel sottoscritto, la competenza tecnica (l’assessore Giancarlo Bonfiglio è un ispettore capo della Polizia di Stato); al tempo stesso da subito cercherò la massima collaborazione con il Consiglio di Amministrazione,  per un lavoro proficuo nella gestione dei beni che esistono nel territorio. In atto abbiamo già destinato – prosegue l’assessore Bonfiglio – due immobili di Aci Catena all’Arma dei Carabinieri.
L’assegnazione della presidenza ad Aci Catena, è un segnale forte e importante, in sintesi, un riconoscimento per ciò che Aci Catena sta facendo negli ultimi anni, in fatto di trasparenza e legalità; un inequivocabile segnale che l’amministrazione contrasta con tutti i mezzi la mafia.
La linea tracciata è visibile e completata dal fatto che Aci Catena nei giorni scorsi ha presentato, in qualità di comune capofila, un progetto per la videosorveglianza nell’ambito del PON Sicurezza, insieme ai comuni di Acicastello, Acibonaccorsi, Aci S.Antonio e Valverde.
Vogliamo, con tutte le forze – conclude Bonfiglio - che i cittadini riconquistino fiducia nell’apparato pubblico ed in particolar modo nei rapporti con la politica e con le Forze dell’Ordine”.

(C.S.)


29/12/2008

Condividi su Facebook