domenica 26 maggio 2019
Anno IV - numero 20 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Le nostre rubriche
Musica

SANREMO 2012…E I NOSTRI PERCHE’

E anche quest’ultima edizione di Sanremo passerà alla storia come “l’ennesima edizione di Sanremo” con il clichè che si ripete: poco spazio per le canzoni, troppo per le polemiche.
Non ci va di parlare di quello che di questo Festival di Sanremo non è andato, in questi giorni si è già detto e ridetto di tutto, a torto o a ragione.

Proviamo invece a dire quello che di questo Festival ci ha fatto sorridere, e lo facciamo con i nostri personalissimi perché che dalla prima serata ci ronzano in testa.
Il primo è quello che batte tutti, la madre di tutte le domande: perché, perché affidare la conduzione del Festival di Sanremo a Gianni Morandi? E perché Gianni Morandi ha accettato, per la seconda volta, di condurre il Festival di Sanremo?
Perché Belen non si è limitata a far vedere la farfalla soltanto a Corona?
Perché nessuno ha detto a Pierdavide Carone di tagliare quella inutile peluria pseudo-baffi?
Perché Elisabetta Canalis si ostina a puntare sul “suo talento”?
Perché Celentano non si è limitato a cantare?
Perché nessuno si è soffermato sui testi e sulla musica?

Perchè Casillo può partecipare al Festival di Sanremo e non può cantare dopo mezzanotte?
Perchè per vedere duettare cantanti diversi per storia, nazionalità, modo di fare musica bisogna aspettare il Festival di Sanremo?
E infine, “perché tu ami sempre gli altri e io amo solo te”? si chiedono affranti Carone e Dalla…ma alzi la mano chi non se lo è mai chiesto!

Grazia Scuderi