giovedý 14 novembre 2019
Anno IV - numero 45 - Direttore Grazia Scuderi - Iscritto al n. 15 del 9/06/2000 presso il Tribunale di Catania
Le nostre rubriche
Arte

Vincent Van Gogh: “Campagna senza tempo – Città moderna”

L’immutabilità della campagna e la vitalità della città messe a confronto

 

Vincent Van Gogh sarà protagonista fino al prossimo 6 febbraio di una importantissima esposizione, “Campagna senza tempo – Città moderna”, ospitata negli ampi spazi del Complesso del Vittoriano  a Roma.

L’esposizione è stata realizzata grazie alla collaborazione di importantissime istituzioni museali internazionali, come Van Gogh Museum, Kröller-Müller Museum, Rijksmuseum, The Art Institute of Chicago, e l’apporto di pregiatissime collezioni private.

“Campagna senza tempo – Città moderna” è nata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana ed è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con il Comune di Roma, la Provincia di Roma e la Regione Lazio.La mostra vanta la presenza di circa settanta capolavori del maestro olandese, dipinti, acquerelli e opere su carta, oltre a numerose opere di altri grandi artisti come Millet, Pissarro, Cézanne, Gauguin e Seurat. Le opere esposte  cercano di rappresentare l’intera parabola artistica del genio olandese, dagli esordi fino al suo tragico suicidio. Questo allestimento mira a risaltare due temi, che trasversalmente percorrono l’intera opera del maestro: la campagna e la città. Van Gogh idealizza la campagna come una realtà costante, priva di mutamento; in essa inserisce il contadino dalla vita onesta, dai valori sempre nuovi ma anche sempre antichi, che vanno oltre il passare del tempo. Ma a questa immagine, se vogliamo un pò idillica, della campagna, della natura e della vita del contadino, si contrappone la città e la sua modernità, con le sue industrie, con il suo progresso e con la vitalità. Sia la campagna che la città non sono rappresentate dal maestro realmente per quello che sono, cioè come possono apparire, ma sono rielaborate: mostrano la tara inconfondibile della sua vasta cultura in campo artistico e mirano a comunicare delle idee ben precise. Van Gogh interpreta le tendenze moderne, regalandoci così dei paesaggi e dei ritratti che, dietro il loro inconfondibile segno artistico, ci comunicano qualcosa. La mostra vanta anche la presenza di importantissimi documenti come alcune lettere inviate da Van Gogh al fratello Theo, a Joseph Ginouxe e ad Anthon van Rappard.


Antonella Agata Di Gregorio